TERAPIA FISICA

La fisioterapia strumentale è una medicina riabilitativa con l’obiettivo terapeutico di sfruttare le energie fisiche. L`influsso di queste forze sui tessuti fa nascere una serie di reazioni biologiche che si traducono in specifici esiti terapeutici come: l’analgesia, l’attivazione del metabolismo locale, la tonificazione o il rilassamento muscolare ecc.

Le energie fisiche utilizzate sono:
– Ultrasuoni
– Correnti elettriche (ionoforesi, tens, eletrostimolazioni e correnti diadinamiche, ionoforesi, galvaniche)
– Onde elettromagnetiche (magnetoterapia)
– Laserterapia
– Diatermia
– Vacumterapia
– Interix 5002

Alcuni esempi:

La Diater 2, l’evoluzione della vecchia tecarterapia, rappresenta una nuova forma di terapia fisica-strumentale la quale riattiva i normali processi fisiologici del metabolismo tissutale, trasferendo energia biocompatibile senza proiezione di energia radiante dall’esterno.

Laser ad alta potenza per risolvere problemi acuti o degenerativi a livello muscolare e problemi reumatici. Il laser sfrutta le peculiarità terapeutiche della luce veicolata in modo specifico per trattare problemi di tipo acuto che  vengono di regola curati con alcuni trattamenti vicini nel tempo, mentre disturbi cronici sono in genere meglio affrontati con trattamenti meno ravvicinati.
La laserterapia è controindicata nei casi di gravidanza, epilessia e neoplasie.

Di grande importanza anche la nuovissima Inter X, con effetto antalgico. Essa trova applicazione in una vasta gamma di sindromi cliniche che vanno dalla traumatologia acuta alla riabilitazione post-operatoria, al trattamento delle patologie croniche.
La macchina non è indicata per pazienti con pace-maker, soggetti che soffrono di convulsioni e donne in gravidanza.

Grazie alle sue caratteristiche, la fisioterapia strumentale fa parte di un programma di rieducazione funzionale e, spesso si sposa con altre terapie quali massaggi terapeutici, rieducazione motoria, mobilizzazioni articolari e stretching e rinforzo muscolare.

TERAPIA FISICA

7 + 9 =